MENU

About

Virginia Dal Magro, nata nel 1994 a Milano, attualmente frequenta il Biennio specialistico della Scuola di Grafica all’Accademia di Belle Arti di Brera dopo aver conseguito la laurea con lode in Pittura.

2018

  • Menotrenta, a cura di Renato Galbusera, Fabbrica del Vapore, Milano
  • Premio Unione Confcommercio con mostra EX-CHANGES territori del possibile, a cura di Maria Cristina Galli, Sale dell’Arte di Palazzo Bovara, Milano
  • 10 anni di furori, galleria Gli Eroici Furori, Milano
  • NOPLACE, Ex ceramica Vaccari, Santo Stefano di Magra (SP)

2017

  • Ottobre, memoria di un secolo, Fabbrica del Vapore, Milano
  • 10x10 per, a cura di OUT44, presso la galleria Davide Gallo, Milano
  • Residenza artistica presso la Kubik Miroslava Art Gallery a Litomyšl (CZ), con relativa mostra GRAFT, a cura di Marcello Farabegoli e Richard Adam
  • Mirror Face to Face, esibizione internazionale di stampa d’arte con mostre a Qu. Bi Gallery, Vicenza e Association of Estonian Printmakers, Tallinn
  • Zureta, Accademia Geidai, Tokyo
  • Salad Days, a cura della Scuola di Visual Cultures dell’Accademia di Brera, 12 Star Gallery, Europe House, Londra
  • Spazi Altri, Art Gallery, Milano
  • Vincitrice del Premio Brera-Bicocca, Milano
  • Fonda insieme a Rachele De Franco spazioSERRA, uno spazio espositivo nopro t situato presso il passante ferroviario di Lancetti, Milano

2016

  • Finalista Premio Parigi, Firenze
  • Finalista Premio Morlotti, Imbersago (LC)
  • 57° Premio Internazionale Bugatti-Segantini, a cura di OUT 44, Villa Vertua, Nova Milanese, (MI)
  • Monocrono, bipersonale a cura di Vincenzo Argentieri, GAR, Stazione di Repubblica, Milano
  • Menotrenta, a cura di Vincenzo Argentieri, presso il castello Visconteo di Abbiategrasso
  • Grammelot, MACRO Testaccio, Roma
  • Doppelgänger: il ritratto svelato, a cura di Laura Ghirlandetti e Erika Lacava, Zoia Gallery&Lab, Milano

2015

  • Pozzo dei Goti in Arte, a cura del collettivo Flock, Barcellona Pozzo di Gotto
  • Finalista Premio Paolina Brugnatelli, a cura di Anna Tüdős, mostra presso l’Accademia di Budapest
  • Lavoro, Cibo per l’anima, work food for the soul, a cura di Italo Chiodi, ex chiesa della Maddalena, Bergamo
  • Mnemon, mostra collettiva all’interno dell’associazione Circuiti Dinamici, Milano