MENU

About

statement
La mia ricerca si sviluppa attorno al concetto di limite e attraverso i miei lavori cerco un equilibrio tra ciò che esso separa: che sia tra visibile e invisibile, naturale e artificiale, reale e immaginario. L’obbiettivo non è prendere una posizione ma investigare le varianti date dal contrasto e dall’ambivalenza degli opposti.

I lavori ottenuti sono – ognuno a modo proprio – ‘non luoghi’ che formano atlanti di possibilità: prendono vita attraverso il processo di archiviazione, formando un secondo strato, ulteriore a quello mappato, costituito da luoghi non ancora esplorati. Lo scopo è modellare una realtà in cui rifugiarsi, nel tentativo di prendere le distanze dall’estenuante rincorsa alla conoscenza ma non dai mezzi che la producono, utilizzandoli come medium principale.

biografia
Virginia Dal Magro, 1994, Milano.
In seguito all’ottenimento della laurea triennale con lode in Pittura e la laurea specialistica con lode in Grafica d’Arte, lavora attualmente come assistente alla didattica presso il dipartimento di Grafica dell’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano e gestisce spazioSERRA, uno spazio espositivo non profit situato presso il passante ferroviario di Lancetti, Milano.

mostre personali
2020
Send feedback > Missing place, a cura di Giorgio Bena, Wild Mazzini, Torino
Can’t find a way there, try again, a cura di Cristina Moregola, Fondazione Bandera, Busto Arsizio
2019
Piano B, a cura di Luisa Turuani, AnonimaKunsthalle, ZENTRUM, Varese
Isole, testo critico di Vincenzo Argentieri, Tipografia Alimentare, Milano
2018
Isole, testo critico di Vincenzo Argentieri, Tipografia Alimentare, Milano

mostre collettive
2021
Where Where Where, a cura di Alessio Barchitta, Gran Cratere della Fossa, Vulcano (Lipari)
2020
Experimental foto festival, a cura di Pablo Giori e Laura Ligari, Barcellona
2019
-Dona le tue rughe, a cura di Maria Cristina Galli, Fondazione Umberto Veronesi
-Milano 4th Global Print, a cura di Nuno Canelas, Douro, (Portogallo)
Empatie/Contaminazioni. Dialoghi tra materia e segno, a cura di Sara Bodini, Patrizia Foglia, Renato Galbusera, Diego Galizzi e Ivan Pengo, mostre presso Fabbrica del Vapore, Milano e Museo Civico Floriano Bodini, Gemonio (VA)
Pupi, la nuova storia, a cura di Collettivo Flock, Anna D’Ambrosio, Concetta Modica, Gabriele Salvaterra, Valentina Poli, mostre presso Discontinuo, Barcellona Pozzo di Gotto (ME) e Amy-d Arte Spazio, Milano
2018
I sette Gottinga della contemporaneità, a cura di Renato Galbusera, spazio Eventi palazzo Pirelli, Milano
NOPLACE , Ex ceramica Vaccari, Santo Stefano di Magra (SP) 2017
2017
Ottobre, memoria di un secolo, Fabbrica del Vapore, Milano
10×10 per, a cura di OUT44, presso la galleria Davide Gallo, Milano
-Residenza artistica presso la Kubik Miroslava Art Gallery a Litomyšl (Repubblica Ceca), con relativa mostra GRAFT , a cura di Marcello Farabegoli e Richard Adam
Mirror Face to Face, mostre presso Qu. Bi Gallery, Vicenza e Association of Estonian Printmakers, Tallinn (Estonia)
Zureta, Accademia Geidai, Tokyo (Giappone)
Salad Days, a cura della Scuola di Visual Cultures dell’Accademia di Brera, 12 Star Gallery, Europe House, Londra (UK)
2016
57° Premio Internazionale Bugatti-Segantini, a cura di OUT 44, Villa Vertua, Nova Milanese, (MI)
Monocrono , bipersonale a cura di Vincenzo Argentieri, GAR, Stazione di Repubblica, Milano
Grammelot , MACRO Testaccio, Roma Premi

Premi
-Finalista Premio San Fedele, 2019
-Finalista Premio Nocivelli, Verolanuova (BS), 2019
-Vincitrice secondo posto Premio Morlotti, Comune di Imbersago (LC) – Museo della Permanente, Milano, 2018
-Selezionata Premio Unione Confcommercio con mostra EX-CHANGES, a cura di Maria Cristina Galli, Sale dell’Arte di Palazzo Bovara, Milano
-Vincitrice Premio Menotrenta 2018, a cura di Renato Galbusera, Fabbrica del Vapore, Milano
-Vincitrice del Premio Brera-Bicocca 2017, Milano
Finalista Premio Paolina Brugnatelli 2015, a cura di Anna Tüdos, mostra presso l’Accademia di Budapest