MENU

Autoritratti a memoria

Il mio volto si fonde con quello del passante, che ha svolto un ruolo cruciale nella mia indagine, data la velocità con la quale ogni giorno osserviamo le persone che ci passano accanto senza poterne memorizzare i tratti. La sagoma diventa, quindi, solo un’ombra, una presenza indefinita, carica solo del ricordo di una sensazione.